NEWS

Interrogazione a risposta orale in Commissione n. 5-03865 dell’On. Rostellato sullarealizzazione di un poligono di tiro all'interno di un comune in provincia di Vicenza.

Interviene il viceministro Bubbico
Il viceministro Filippo BUBBICO risponde all'interrogazione in titolo.
Signor Presidente, onorevoli deputati, con l'interrogazione all'ordine del giorno l'onorevole Rostellato, unitamente ad altri deputati, chiede informazioni al Ministro dell'interno in merito all'attività che si svolge all'interno di un poligono di tiro situato nel comune di Albettone, in provincia di Vicenza, e gestito dall'associazione sportiva dilettantistica «Alpha 22 Shooting Club».
In particolare, l'interrogante evidenzia le preoccupazioni diffuse nella zona, a causa delle esplosioni notturne che proverrebbero dal poligono in questione, attribuite dalla cittadinanza ad esercitazioni di tiro con armi da guerra o comunque illegali. Informo che il poligono di tiro ospita 11 linee di tiro da trecento metri per carabina e 5 linee di tiro per armi corte, oltre ad uno spazio per il controllo e la gestione degli accessi con fabbricati adibiti a reception, ufficio, aula didattica, bar e servizio. L'impianto è stato realizzato su un'area agricola localizzata nel piano di zonizzazione acustica dei comuni di Albettone e di Rovolon, quest'ultimo situato in provincia di Padova. L'area è stata concessa in affitto da un privato alla citata associazione che, il 10 aprile del 2012, ha ottenuto dal sindaco di Albettone l'autorizzazione all'apertura e all'esercizio di un poligono di tiro ad uso privato.
Faccio presente che la struttura non ha altri fabbricati attorno per un raggio di circa 400 metri nel comune di Albettone e di 500 metri nel comune di Rovolon.
Per quanto concerne l'associazione sportiva «Alpha 22 Shooting Club», rappresento che si tratta di un sodalizio senza fini di lucro. L'ente persegue finalità di promozione sportiva, esercitando e gestendo le proprie attività nel poligono, dove organizza corsi di tiro e di addestramento all'uso delle armi e lezioni di autodifesa a mani nude. Il regolamento interno consente l'uso sia di armi lunghe a ripetizione manuale e semiautomatiche dal calibro 22 al calibro 50 escluso, sia di armi corte con calibro dal 9 a 45, escluso il 357 magnum.
In ogni caso è vietato l'impiego di munizioni con pallottole perforanti, esplosive, incendiarie e traccianti. Con tali limiti di impiego, il poligono ha ospitato anche attività di formazione e addestramento di reparti speciali dell'Esercito italiano. Da ultimo, nello scorso mese di settembre, è stato utilizzato dal Centro di eccellenza per le unità di polizia di stabilità con sede a Vicenza, per lo svolgimento di
alcune esercitazioni a guida italiana, nell'ambito di un progetto di cooperazione internazionale tra varie polizie a ordinamento civile e militare.
Gli ultimi controlli all'attività del poligono, compiuti dalla locale Questura, risalgono allo scorso 22 novembre, quando la Polizia Amministrativa ha effettuato un sopralluogo, che non ha evidenziato irregolarità amministrative.
È risultato, infatti, che la documentazione prevista dalla legge fosse completa e tutti i vincoli autorizzatori urbanistico-ambientali siano stati rispettati. Inoltre, non sono emersi riscontri oggettivi circa l'utilizzo di munizionamento da guerra o di calibri non consentiti.
Voglio comunque ricordare che la Questura ha funzioni esclusivamente di controllo amministrativo e non poteri autorizzativi, che spettano in ogni caso al comune.
Alla fine di agosto dello scorso anno, come riferito dall'interrogante, il poligono si è trovato al centro di alcune polemiche, riportate anche dai media locali, a causa delle dichiarazioni rilasciate dal presidente della Federcontribuenti Veneto, il quale avrebbe raccolto le apprensioni di un gruppo di cittadini di Rovolon preoccupati per le esplosioni udite nella notte tra il 28 e 29 agosto scorsi.
Tali inquietudini sarebbero state rafforzate dalla pubblicazione di un articolo, apparso sul sito web della Federcontribuenti, in cui lo stesso presidente – a fronte delle segnalazioni raccolte – denunciava che presso il poligono avvenivano esercitazioni di tiro con l'impiego di bazooka.
Queste affermazioni sono state categoricamente respinte dallo stesso presidente del poligono che, lo scorso 30 agosto, ha sporto una denuncia/querela ai Carabinieri della Stazione di Campiglia dei Berici, in provincia di Vicenza, ipotizzando il reato di diffamazione col mezzo della stampa o altro mezzo di pubblicità.
Nella sua denuncia il presidente del poligono conferma, in effetti, di essere apparso su un video diffuso sul web che lo riprendeva nel corso di un'operazione di tiro con un bazooka, ma tale esercitazione sarebbe stata effettuata in un poligono militare toscano e non in quello di Albettone. Attualmente la vicenda è al vaglio dell'autorità giudiziaria competente.
Per quanto riguarda, poi, i paventati disturbi causati dal poligono ai confinanti, informo che la notizia non ha trovato alcuna conferma da parte degli organi di Polizia territorialmente competenti, i quali hanno riferito di non aver ricevuto esposti o denunce, né lamentele informali connesse all'attività del poligono.
Gessica ROSTELLATO (Misto-AL), replicando, si dichiara parzialmente soddisfatta della risposta fornita dal Governo e segnala che i residenti delle zone limitrofe al poligono denunciano il disagio causato dal rumore molto forte degli spari provenienti dal medesimo poligono. Fa presente che gli amministratori locali non hanno esercitato il loro potere di controllo ma hanno invece implicitamente incoraggiato i cittadini all'uso delle armi anche sulla scorta della preoccupazione ingenerata nei cittadini stessi da recenti episodi di cronaca. Chiede al Governo di svolgere ulteriori approfondimenti sulla questione oggetto della sua interrogazione.
Francesco Paolo SISTO, presidente, la invita a chiarire il suo pensiero poiché, a suo avviso, non è possibile sostenere che le autorità locali abbiano in qualche modo, anche implicitamente, incentivato i cittadini all'uso delle armi né tantomeno una tale affermazione è rinvenibile nella risposta appena fornita dal Governo.
Gessica ROSTELLATO (Misto-AL) precisa che non intendeva riferirsi in alcun modo ad un atteggiamento delle autorità locali nel senso di favorire l'utilizzo delle armi da parte dei cittadini.

 

ALPHA 22 SHOOTING CLUB ASD mob. +39-339-6433720 info@alpha22shootingclub.com CF 91022200280